Fave dei morti (biscotti di Ognissanti)
Biscotti,  DOLCI

Fave dei morti (biscotti di Ognissanti)

Condividi l'idea con i tuoi amici :
image_pdfimage_print

Le Fave dei Morti, conosciute anche come i biscotti di Ognissanti, sono dei dolcetti che si preparano in molte regioni italiane, tra le quali il Lazio.

Nell’antica Roma le fave simboleggiavano le anime dei morti e questi legumi erano considerati come una funebre offerta alle divinità dell’Ade.

Oggi le fave sono stati sostituite da questi biscotti che vengono preparati tra l’1 e il 2 novembre perché tradizione vuole che contengano l’anima dei defunti e che, servendoli a tavola, si riportino a casa i propri cari che non ci sono piu’.



Ingredienti :

  • 200 grammi di mandorle dolci spellate
  • 100 grammi di zucchero
  • 100 grammi di farina 00
  • 20 grammi di burro sciolto
  • 1 uovo
  • scorza di mezzo limone
  • 1/2 bicchierino di grappa (o acquavite secondo le antiche ricette)

Procedimento:

In un mixer tritate le mandorle con lo zucchero.

Versate la farina di mandorle ottenuta in una ciotola, aggiungete la farina 00 e il burro sciolto.

Unite la buccia del limone grattagiata e l’uovo.

Impastate e per ultima unite la grappa.

Mescolate per bene fino ad ottenere un panetto  solido e leggermente appiccicoso.

Dividete il panetto in piu parti e da ogni parte ricavate dei piccoli filoncini.

Tagliateli poi con un coltello in tanti piccoli pezzetti di circa 2 cm .

Lavorateli con il palmo della mano arrotondando leggermente le estremita’.

Mettere in forno a 180° per circa 15 minuti , fino a leggera doratura.

Il risultato e’ un biscotto friabile fuori e morbido dentro.

Fate raffreddare e servite con del vino per dolci, con del the’ o con una bella tisana.



2 Comments

  • Anna Maria

    Scusare ma non si mette un po di pane degli angeli, li ho fatti seguendo la ricetta ma sono rimasti piccoli, nella vostra foto sembrano lievitati, ho sbagliato a non metterlo perché forse voi avete dimenticato di scrivere

    • Cinzia Fradicono

      Non l’ho messo il lievito, la ricetta non lo prevede. Se sono venuti piccoli forse dipende dal fatto che li ha tagliati un po’ piu’ piccolini dei miei.
      Non devono crescere molto, ma rimanere friabili fuori e morbidi dentro. Sono venuti buoni pero’? I miei a casa li hanno divorati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *